Nonostante Londra sia da tempo considerata la sorella minore tra le capitali della moda, anche quest’anno ha portato sulle passerelle alcune novità e un chiaro messaggio per la moda e i trend della prossima primavera.

Londra ci regale un ritorno a fantasie floreali con i fiori d’antan, classico disegno che ricorda l’epoca vittoriana, sfoggiato da ogni collezione presentata.

I cappotti trench saranno nuovamente in primo piano nelle nuove versioni rivisitate da Burberry. Questo capo punta ad essere l’icona della primavera 2019.

Per quanto riguarda i colori, il rosso e il nero tornano a farla da padrone in una accoppiata da sempre vincente che viene resa elegante e moderna grazie ad alcuni piccolo ritocchi e l’aggiunta di pizzo per far risaltare ancora di più il contrasto tra le due tonalità.

Novità in vista anche per i pantaloni con Victoria Beckham che ha presentato un nuovo modello attillato, lungo con una apertura a V per mettere in risalto le calzature. Questo modello è stato il centro della passerella VB e si prepara ad essere uno dei capi più venduti della prossima estate.

Invece per quanto riguarda le novità minori, da rilevare sicuramente sono le maniche in blooming, ampie e pompose a ricordare grandiose composizioni floreali. I quadretti di Vichy tornano ad essere utilizzati da Molly Goddard che li usa in nuance verdi bianche su ogni tipo di indumento, dagli abiti lunghi da sera ai pantaloni per tutti i giorni. In più di una passerella abbiamo visto apparire vestiti in PVC: questo tessuto completamente impermeabile viene usato nei colori e abiti più disparati e spesso utilizzato per sensuali vestiti trasparenti.

Trend già di questo autunno, le maglie e vestiti sfilacciati stile New Western sono stati molto popolari alla London Fashion Week e avranno sicuramente un posto importante nel nostro guardaroba della prossima primavera.

Per le amanti dei look mascolini, il gilet maschile è di nuovo cool e pensato per essere abbinato a un paio di pantaloni dello stesso tessuto e fantasia.

Aspettiamo la settimana della moda di Milano per scoprire le novità italiane: saranno in linea con le tendenze già viste a Londra o come sempre le firme di casa Italia sapranno staccarsi e interpretare le prossime stagioni in maniera diversa?